Tifo “sospeso”, c’è il rebus abbonamenti Per le restanti 6 gare di questa stagione la società non è tenuta all’indennizzo

Il mondo del calcio cerca di rimettersi in moto, ma uno degli ingranaggi rischia di restare fermo, come riporta Il Messaggero.

Si tratta dei tifosi. In serie A, dieci club (Atalanta, Brescia, Genoa, Inter, Juventus, Lecce, Roma, Sampdoria, Spal e Udinese) nelle rispettive condizioni di vendita e utilizzo degli abbonamenti non prevedono il risarcimento delle gare non fruite dal proprietario della tessera.

VIRTUALSTORE è una piattaforma e-commerce

 PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERITE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00

marchi importanti con prezzi “ superscontati “

digitando sull’immagine     https://virtualstore.letsell.com/home/

wp-1587368427261381355380.png

Nello specifico, per la Roma si legge che “il titolare non ha diritto al rimborso, neanche parziale dell’abbonamento, salvo non derivi da responsabilità diretta di As Roma“. Tradotto: per le restanti 6 gare di questa stagione la società non è tenuta all’indennizzo.

Questo non significa che il club non stia riflettendo a un modo alternativo per venire incontro ai propri abbonati (21.775 in tutto) che hanno fatto incassare, già a fine agosto, oltre 11 milioni.

La perdita tra abbonati e biglietti per le singole partite tra campionato e coppe, nel caso della Roma, sarebbe almeno di una trentina di milioni.

fonte   Il Messaggero.

screenshot_2018-11-21-09-18-19398782527.jpg