I quattro saggi della Roma

Da quanto filtra, i giallorossi a breve dovrebbero comunicare alla società di aver deciso un taglio sulle rispettive retribuzioni

Più che sindacalisti, provano a essere dei ‘saggi’. Sono i quattro capitani designati per la fascia quest’anno dopo la partenza di Florenzi – Dzeko, Fazio, Kolarov e Pellegrini – che nella Roma stanno cercando di ottenere lo stesso risultato portato a casa da Chiellini, Bonucci e Buffon alla Juventus: mettere d’accordo tutti i compagni per proporre alla società di ridursi lo stipendio. Sono loro quattro, quelli con la più lunga militanza m giallorosso, a guidare internamente al gruppo le discussioni sul tema.

Sei alla ricerca di un marchio importante per calzature, sneakers, abiti, jeans, articoli sportivi, occhiali da sole, gioielli ..ecc
 troverai su questa piattaforma  quello che cerchi , a prezzi scontatissimi….
https://virtualstore.letsell.com/home/

ricordati di mettere il codice d’iscrizione ABCD10% , avrai un ulteriore sconto del 10% sul prezzo di costo
HAI NECESSITA’ DI UN CHIARIMENTO ?, VUOI ESSERE INDIRIZZATO SU UN ARTICOLO SPECIFICO ?

l’email é
virtualstore@outlook.it

wp-15845247059802116106663.png

Come raccontato dallo stesso Pellegrini (“dentro la squadra ci siamo messi a parlare e confrontarci fra di noi per trovare la soluzione migliore”), è in corso un dibattito, ovviamente via chat e telefono, fra i giocatori per trovare un punto comune. Da quanto filtra, anche sulla scorta delle pressioni dell’opinione pubblica, i giallorossi – riporta ‘Il Tempo’ – a breve dovrebbero comunicare alla società di aver deciso un taglio sulle rispettive retribuzioni. Numeri, percentuali e condizioni dipendono da quando e se si ricomincerà a giocare, è probabile che come nel caso della Juve ci sia da una parte una rinuncia vera e propria ad alcuni stipendi e dall’altra uno slittamento in avanti di ulteriori mensilità, ma si può dare il suo segnale al mondo del calcio. Opposto a quello lanciato ad esempio da Rooney che ha parlato di “giocatori come capri espiatori” e ha definito addirittura una vergogna “il modo in cui è stata trattata la vicenda del taglio degli stipendi”, in riferimento alla proposta della Premier League di abbassarli del 30% a livello collettivo. Opzione a cui i calciatori inglesi al momento si sono opposti.

L’idea che nella Roma siano invece gli stessi giocatori a fare il il primo passo piace molto a Pallotta e ai dirigenti, che nel frattempo hanno deciso di seguire fino in fondo l’esito della trattativa collettiva tra Assocalciatori e Lega di Serie A: al momento solo fumate nere, oggi è previsto un nuovo round. Nessuno, da Fienga in giù, ha chiesto allo spogliatoio e ai tecnici di ridursi lo stipendio o presentare proposte: l’obiettivo comune è evitare una trattativa e il fatto che anche Fonseca e il suo staff abbiano già dato la loro disponibilità, rende tutto più semplice. E abbassare le ansie in vista della chiusura di un bilancio ad oggi in forte perdita. Il tecnico è tornato a parlare della possibile ripresa del campionato: “Potremmo ripartire a giugno – ha detto intervistato da A Bola – ma mi sembra una previsione molto ottimistica. I giocatori a casa si allenano molto, credo che arriveranno in una condizione migliore rispetto a prima del ritiro estivo, poi dovremo essere pronti in poche settimane”. Poi un auspicio per il futuro: “I trofei rimangono nella storia e nei libri. Ma la cosa più importante è riuscire a segnare le persone che lavorano con me ed aiutarle ad essere migliori”. In fondo aiuta anche a vincere.

FONTE    IL TEMPO   

wp-1579000698037.jpg