Salute, calendari, norme. Tutti i dubbi della Lega A

 – In Italia, a differenza di altri paesi europei, l’idea non sembra essere quella di esser pronti a tutti per portare a termine il campionato. Se altre Leghe sembra siano disposte a giocare anche durante il periodo di agosto, la Serie A per alcune società dovrà terminare entro il 30 giugno, senza arrivare a giocare a luglio, mettendo così in conto di dover scendere in campo ogni tre giorni.

Sei alla ricerca di un marchio importante con un prezzo     

            ” superscontato ” ?

Clicca    https://www.facebook.com/Cercafacileit-105748124355413/?modal=admin_todo_tour

ricordati di mettere il codice d’iscrizione ABCD10% ,e avrai un ulteriore sconto del 10% sul prezzo di costo

wp-15858206390681374732185.png

Tra i punti su cui le squadre sfavorevoli a riprendere il campionato c’è il problema del prolungamento dei contratti dei giocatori in prestito; ci sono tutti i dubbi e le scadenze relative ai bilanci e al Fair Play Finanziario che le squadre devono consegnare obbligatoriamente alla fine della stagione; ancora ci sarebbe il problema di dover far giocare ad alcune squadre di A le competizioni europee, costringendo così alcuni club a un riposo minore rispetto ad altre società. I nodi da sciogliere sono molti , ma prima di poter fare qualunque tipo di discorso bisognerà attender l’evolversi della vicenda coronavirus.

FONTE    LA GAZZETTA DELLO SPORT

screenshot_2018-07-24-09-42-11_1_1975186116.jpg