Valeria Biotti….La Pancia del Tifoso “Grazie Roma” dai balconi è un pallone giallorosso all’Autogrill

Nel cofano della macchina ho un vecchio pallone della Roma. Lo stemma e le scritte sono sbiadite, ma i colori sono inequivocabili. Un po’ sgonfio, figlio dell’età e del caldo estivo, occupa un buon quarto del cofano della Smart; ma ne è signore e padrone, per nessun motivo lo toglierei di lì.

È il “Pallone da Autogrill”. Quello che durante i viaggi serve a sgranchirsi le gambe nelle soste tra bagno e caffè, a sentirsi improvvisamente ragazzini e a ritrovarsi a rincorrere e a ridere con sconosciuti cooptati sul posto.

Sei alla ricerca di un marchio importante per calzature, sneakers, abiti, jeans, articoli sportivi, occhiali da sole, gioielli ..ecc

 troverai su questa piattaforma  quello che cerchi , a prezzi scontatissimi….

clicca qui

wp-15840452327021622812220.png

Il criterio è casuale: ci si trova nello stesso luogo nello stesso istante. Tutto lì. Con storie diverse, punti di partenza e di arrivo che rimangono celati o neanche importano. Come tra bambini, che non pensano a chiedersi il nome e sono già amici.
I bambini, però, poi si salutano e si dimenticano. Perché quel momento era tutto lì, in quell’istante presente; poi può perdersi nel nulla del passato senza malinconia. I piccoli sono nell’ora, nell’oggi.

Noi no. Per noi “nell’età della ragione” tutto è epos. L’Autogrill diventa improvvisamente il Fulvio Bernardini e ogni sgambata si imprime a fuoco nella memoria. Ti ricordi quel torello a Tortoreto Est, sull’A14? Ma che spettacolo quella Tedesca a Sala Consilina! E quel derby cinque contro cinque alla Stazione Ardeatina Esterna? C’era quel ragazzino fortissimo che su ogni palla alta faceva le rovesciate… Quella signora con la tuta della Roma che si era messa in porta… Quello della Lazio che ci voleva frega’ il pallone…

Ecco, guardando la gente che dai balconi canta “Grazie Roma”, a me viene in mente il mio pallone giallorosso che riposa nel cofano, in attesa del prossimo Autogrill. Perché anche noi, oggi, ci ritroviamo per caso nello stesso luogo e nello stesso momento. E anche noi, questo rimpallarci coraggio e appartenenza di casa in casa, non lo dimenticheremo mai.

FONTE   Valeria Biotti    Corriere dello Sport 

Speaker e giornalista   ReteSport fm 104,200 

Dal lunedì al Venerdì dalle  15 alle 18

img_20190826_0651174757453010973764455.jpg