Roma-Lecce, Kolarov segna e la Curva lo insulta. Poi dice: “Volevo fare io l’intervista…”

Il serbo ha segnato la rete del 4-0, ma dagli spalti sono arrivati fischi e cori da parte dello Stadio Olimpico

“Volevo fare io l’intervista ma non posso“. Queste le parole ironiche di Aleksandar Kolarov in zona mista mentre lasciava l’Olimpico. Anche oggi  infatti la tensione tra lui e i tifosi della Roma non è mancata.

CLICCA  QUI….  e scoprirai l’intera collezione a prezzi ” scontatissimi ” e iscriviti per usufruire di un ulteriore sconto con il codice scontoamici”

wp-1582582472700.jpg

Solo il 15 giorni fa il battibecco con la Tevere durante il match con il Bologna, ennesimo episodio che ha evidenziato il rapporto ormai non idilliaco tra il terzino e i sostenitori giallorossi. Anche stasera contro il Lecce, al momento dell’esultanza per il gol del 4-0 firmato proprio da Kolarov, dall’Olimpico si sono alzati dei fischi all’indirizzo del numero 11. Il serbo ha segnato esultando con i compagni, ma molti tifosi lo hanno fischiato, non urlando il suo nome insieme allo speaker a differenza di un’altra parte della tifoseria. Non solo, perché una parte della Curva Sud ha poi alzato un coro di insulti nei suoi confronti, che però non ha visto d’accordo gli altri tifosi dello stesso settore, che non hanno approvato. Altri fischi sono poi arrivati dalla Tribuna Tevere, che in più di un’occasione ha avuto una discussione a distanza con il calciatore. Nonostante il gol, insomma, la pace sembra ancora lontana.

screenshot_2018-11-27-06-45-02_1-1435684413.jpg