Iturbe: “Roma mia, che rimpianti! Dopo quella notte a Torino ho tradito le tue attese”

L’ex attaccante giallorosso torna sugli anni a Trigoria e il flop: “Dispiace non essere riuscito a fare quello che Sabatini si aspettava da me”

L’ultimo gol della Roma in casa della Juventus è datato 5 ottobre 2014, quando i bianconeri vinsero 3-2. Era la Roma di Rudi Garcia, che quella sera ‘suonò’ il violino in seguito alle polemiche arbitrali per le decisioni di Rocchi sul gol di Bonucci e sui rigori. A mettere a segno quella rete è stato Iturbe, che sembrava aver cominciato con il piede giusto, salvo poi rivelarsi un flop totale. Il paraguaiano, ora ai messicani del Pumas, ha parlato a ‘La Gazzetta dello Sport’: “Ricordo che abbiamo fatto una bella gara e anche loro non hanno giocato male. Sapevamo che andavamo ad affrontare i campioni d’Italia, una squadra fortissima, noi invece eravamo un gruppo abbastanza nuovo e siamo andati a giocarcela. La Juve ha vinto alla fine, ma se ci fosse stato il Var…“

20190922_100830117800125.png
Crediamo in una formula comprovata, non in una “pillola magica”, per perdere peso. È per questo che abbiamo già ispirato più di 3 milioni di trasformazioni e servito mezzo miliardo di frullati, così da diventare la piattaforma di trasformazione Challenge numero 1 al mondo. Sono qui per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. 

Oggi c’è Fonseca, lei ha avuto Spalletti e Garcia: che ricordi ha di loro?
Garcia mi ha voluto a Roma, gliene sono grato. Spalletti ha un carattere forte, è stato uno dei migliori per me. Lui ti insegna, si in****a se le cose non vanno bene, io lo vorrei tutta la vita uno del genere. Garcia è un po’ più tranquillo, diciamo così.

Di Sabatini invece?
Gli voglio molto bene. È stato il primo a chiamarmi per portarmi a Roma e ha fatto tutto lui. Se ho giocato nella Roma è merito suo, mi ha voluto a tutti i costi e io non posso che ringraziarlo. Mi dispiace non essere riuscito a fare quello che si aspettava da me.

I tifosi si aspettavano tanto da lei…
E a me dispiace che le cose non siano andate nel modo giusto. La Roma è ancora oggi per me una squadra unica, mi sono trovato bene, ero e sono innamorato della città, purtroppo non è andata. Sapevo cosa significa giocare nella Roma, c’erano tanti giocatori forti, per me è stato un onore.

fonte    La Gazzetta dello Sport