Lorenzo il magnifico: un sette che si legge 10 Passano dai piedi di Pellegrini tre gol del poker giallorosso: “Quando faccio segnare sono contento come facessi gol”

Lorenzo, il magnifico. Stavolta lo merita. Magnifico. Decisivo. Il gol, degli altri, passa da lui, da quel “sette” che poi si legge “dieci”, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore_2019@libero.it
https://www.facebook.com/La-pagina-del-benessere-2447479815497921/?view_public_for=2447479815497921

Passano da lui tre gol, che poi si chiamano assist. Come un gol, forse più bello per certi versi. Perché in quei passaggi c’è l’adrenalina, c’è il calcio, c’è la bellezza, l’intuito, la sfrontatezza. Tutto.

“Sono molto felice. Quando faccio segnare sono contento come facessi gol. Era importante tornare alla vittoria, questo conta“, eccolo infatti Lorenzo, che conferma la sua gioia per essere stato uomo squadra e non uomo gol.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

Perché forse lui uomo gol non potrà mai esserlo, ci penseranno gli altri ad assecondare le sue giocate da numero“dieci”. Alla Totti, perché proprio l’ex capitano lo aveva investito dei panni di leader, il nuovo riferimento della Roma – in assenza di Francesco e di De Rossi- con la fascia al braccio.

Lorenzo dovrà aspettare, chissà quanto ancora. Intanto si diverte nella posizione che preferisce, quella di trequartista. Tre assist in una sola partita, non succede sempre, a lui poi non era mai accaduto, se consideriamo che il record stagionale di palle gol per Lorenzo è 6 e risale alle stagioni, felici, al Sassuolo.

fonte  Alessandro Angeloni  Il Messaggero.

img_20190702_1949461019116166158509138.jpg