Pau si prende la Roma: esordio da applausi. I tifosi festeggiano: “Abbiamo di nuovo un portiere”

l numero uno spagnolo ha lasciato ottime sensazioni dopo la prima all’Olimpico. Lavoro e qualità, così l’ex Betis vuole diventare uno dei più grandi

Il rischio di farsi ingannare dalle prime impressioni è sempre forte. Forse, perché è quello di cui i tifosi della Roma hanno bisogno ora. Dopo l’annus horribilis di Olsen, c’è voglia di sentirsi al sicuro. Ieri, nel suo esordio all’Olimpico, Pau Lopez è stato applaudito dal riscaldamento fino all’ultimo minuto. Un affetto e un’investitura importante, che oggi il portiere ha voluto ricambiare con un post social: “Il primo di molti all’Olimpico, grato per il supporto”

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/

20190808_1210431683296025.png

QUALITA’ E LAVORO – Sul sito di Pau Lopez si legge una auto-citazione: “Ho imparato che nella vita, con gli sforzi e la perseveranza, puoi raggiungere quello che vuoi”. La Roma Pau l’ha voluta così tanto da lasciare sul tavolo dei soldi che gli spettavano. Ed è pronto a mettere del suo per fare la differenza. “Noi del Real lo conosciamo bene” aveva detto Marcelo. Ieri nel finale di partita si fatto notare ancora, mettendo più di una pezza quando la squadra (per la prima volta nel match) era andata in difficoltà. Parata capolavoro su Vinicius, che a qualcuno ha ricordato i bei tempi: “Quella non la prendono tutti, mi ha fatto pensare ad Alisson” si legge sui social. Diciamolo sottovoce.

20190808_1855291870496608.png

VOGLIA – L’impressione, provando ad analizzare qualche difetto, è che Pau debba lavorare sulla posizione tra i pali. Nessuna paura per uno che dal primo giorno in giallorosso non ha mai avuto in mente di battere la fiacca. “Devo imparare la lingua più in fretta possibile per rispetto dei tifosi” la sua promessa. E già dalla prima amichevole a Trigoria l’ex Betis guidava la difesa abbozzando un po’ di italiano. Pau Lopez era il numero uno che Fonseca voleva. Un portiere speciale, perché perfetto per il suo sistema di gioco, seppur con tutti i limiti che un giovane come lui può e deve avere. Dopo il flop Olsen la Roma ha capito che non è sempre possibile prendere un portiere a poco e sperare che sia un campione. Pau Lopez è costato tanto (23,5 milioni) perché dovrà dare tanto.

20190809_1928181132533160.png

“FINALMENTE UN PORTIERE” – Allo stadio e sui social la prima uscita di Pau Lopez all’Olimpico è stata promossa a pieni voti. “Finalmente! Abbiamo di nuovo un portiere” si legge su Twitter. “Molti si sono lamentati del prezzo, ma quei soldi li vale tutti” un altro commento. Il pensiero corre sempre alla paura più grande: “Grande acquisto, brava la società. Ora speriamo di non rivenderlo subito”. Intanto la Roma è pronta a goderselo. Per questa stagione, sarà in buone mani.

img_20190810_090421525516647509689752.jpg