Scacco a Pallotta: si dimette il cda di Eurnova

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Una decisione presa visto il lungo tentennare di Pallotta nel chiudere il contratto da 100 milioni per la cessione dei terreni di Tor di Valle

20190729_144142377452413.png

Se non bastasse le prevista frenata della giunta Raggi sullo stadio a Tor di Valle (i segnali in questo senso si susseguono ormai da mesi), James Pallotta si ritrova a dover gestire l’ira del cda di Eurnova, la società incaricata di costruire l’impianto che dovrebbe (il condizionale a questo punto è d’obbligo) ospitare gli incontri casalinghi della squadra giallorossa.

Venerdì, come riporta La Repubblica, i vertici della società che ha cambiato management dopo l’arresto di Luca Parnasi (e guidata fino a tre giorni fa dall’ad Giovanni Naccarato) si sono dimessi in blocco.
Una decisione presa visto il lungo tentennare di Pallotta nel chiudere il contratto da 100 milioni per la cessione dei terreni di Tor di Valle che prevedeva un acconto da 10 milioni da pagare a Eurnova.

Una mossa, soprattutto, per mettere alle strette il patron della Roma che sa bene che in assenza di Eurnova lo stadio non si fa. Senza nemmeno dover aspettare l’eventuale retromarcia del Campidoglio a guida M5S.

fonte   La Repubblica

20181222_111556821083662.png