Faraone in Cina, avanza Veretout

20190707_0755251237870705.png

El Shaarawy, accontentato nelle sue richieste, dice sì allo Shanghai. Pallotta incasserà altri 20 milioni. Per il francese, trattativa in dirittura

Roma e Fiorentina continuano a trattare su Veretout e cercano di stabilire la valutazione giusta da conferire a Defrel, pedina di scambio che i viola accettano come parziale contropartita, scrive Stefano Carina su Il Messaggero

È questo il nodo della vicenda che una volta sciolto regalerà il centrocampista a Fonseca. Il tecnico si augura – dopo Pau Lopez (da definire gli ultimi dettagli) – di avere anche l’ex Saint-Etienne nei primi giorni di ritiro. A Trigoria lavorano per accontentare il portoghese anche perché c’è la consapevolezza della volontà del calciatore di lasciare Firenze. Proprio per questo motivo, Petrachi oltre a Defrel vuole aggiungere il minor cash possibile (5-7 milioni). Il club viola, invece, valuta l’attaccante 15 milioni e volendone 25 per Veretout chiede almeno 10 milioni come conguaglio economico.

Il ds salentino non lavora però soltanto sulle entrate. In uscita c’è El Shaarawyche dice sì allo Shanghai. Dopo aver provato il colpo grosso, chiedendo 26 milioni, la Roma ha abbassato le pretese. Il Faraone (tornato sui suoi passi essendo stato accontentato anche sui bonus per i gol e gli assist, più la richiesta di un fisioterapista personale che pagherà lo Shanghai e lo svincolo automatico in caso di retrocessione del club cinese in seconda serie) partirà per una somma che si aggira sui 20 milioni (18 più bonus). Oggi l’attaccante volerà in Cina per le visite mediche e la firma. Per il club giallorosso si tratterà della prima cessione da iscrivere nel nuovo bilancio che chiuderà il 30 giugno del 2020 con conseguente plusvalenza (attualmente il valore residuo del nazionale azzurro è di 3,2 milioni).

Adesso Petrachi ha il compito di rimpiazzarlo nella rosa e valuta Brahimi del Porto: operazione a costo zero, essendo svincolato, ma pesante per l’ingaggio da riconoscere al giocatore. L’alternativa è Taison.

Si muove qualcosa anche per Gerson. Il brasiliano domani torna in Italia con in tasca la nuova offerta del Flamengo. Dopo essersi visto respinto il prestito, il club carioca ha ripresentato bene o male la proposta rifiutata da Monchi a gennaio: 8 milioni non più per l’80% ma per il 70% del cartellino. Parola alla Roma.

Intanto Daniele De Rossi continua ad allenarsi quotidianamente, riflettendo sul da farsi. La volontà di giocare, di dimostrare che chi non ha creduto in lui ha sbagliato, lo motiva. C’è la proposta della Fiorentina, ma quello che lo frena è come verrebbe presa questa decisione dai tifosi della Roma. Un aspetto non secondario per Daniele. Soleri, intanto, va al Padova.

20190211_22290097091250.png