Caccia aperta all’erede di Dzeko, il colpo che non si deve sbagliare

img_20190702_1959439023155843386089573.jpg

Per il ruolo di attaccante serve una garanzia: Icardi o Higuain porterebbero gol ed entusiasmo

Va bene il regista (fondamentale), decisamente indispensabile il difensore centrale, o forse pure due, specie dopo la partenza del migliore che avevi, Manolas. Necessario il portiere, visto che Olsen, lo abbiamo capito, non dà garanzie nemmeno al nuovo allenatore. Ma il vero nodo dell’estate è il centravanti, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

20190606_1114211093593819.png

Un conto è se arriva il Pavoletti di turno, Lammers o Petagna, un conto è se arriva uno alla Higuain o Icardi. Diversi sono i costi, diversa è l’ambizione di partenza.
Higuain è un calciatore da ricostruire, nel morale e nel fisico. Va tirata fuori la voglia di riscatto e gli vanno dati parecchi soldi. Il Pipita ha un ingaggio monstre rispetto ai canoni di un club che ha come obiettivo l’abbassamento del tetto-stipendi. La questione Dzeko è la dimostrazione pratica: calciatore di una certa età, che guadagna tanto, quindi arrivederci. A proposito, ma l’arrivederci (o l’addio) è reale? A Trigoria, per Edin, vogliono 20 milioni, con giocatore del vivaio da scegliere (oppure D’Ambrosio). A Milano, forti dell’accordo con il calciatore, tirano la corda. I giorni passano, la Roma sta per radunarsi e Dzeko rischia di ritrovarsi a Trigoria, come quattro anni fa a Manchester, da separato in casa.

La Roma per prendere Icardi deve fare l’investimento grosso, anche più di quanto aveva previsto di spendere per Barella. Maurito varrà intorno ai 60-70 milioni, e guadagna più di Higuain. La differenza è che la Roma, con Gonzalo rischia di fare una spesa rischiosa, mentre Icardi è un assegno circolare. E lo vuole anche la Juve.
La Roma prenderebbe Higuain in prestito, pagando solo l’ingaggio. Ma la Juve non è d’accordo e tratta: chiede, ad esempio, due giovani come Cangiano e Riccardi oppure è disposto a cederlo in prestito oneroso. Di mezzo, come noto, c’è Zaniolo, che sta trattando con la Roma il rinnovo e tutti conoscono le proposte che gli sono arrivate da Torino.

Ma se dovesse arrivare un big, che ne sarà di Schick, che la Roma fatica a cedere per il rischio minusvalenza? Patrik vivrebbe un’altra stagione all’ombra, con il rischio di svalutarsi definitivamente.

fonte   Alessandro Angeloni

img_20190703_1030479196623023398100818.jpg