Icardi-Inter, possibile causa per mobbing. E potrebbe liberarsi gratis

20190606_1114211093593819.png

L’attaccante argentino avrebbe chiesto aiuto ai suoi legali per risolvere la situazione con i nerazzurri

img_20190615_0609474314634080203102831.jpg

Icardi sul piede di guerra con l’Inter: l’argentino – secondo La Repubblica – avrebbe contattato una squadra di legali per provare a risolvere il suo contratto con i nerazzurri così da essere libero di poter scegliere la sua prossima destinazione. Il giocatore potrebbe chiedere al collegio arbitrale della Serie A la risoluzione del suo contratto con i nerazzurri, valido fino al 30 giugno 2021. Se il collegio dovesse dargli ragione, il numero 9 potrebbe lasciare la squadra a parametro zero e cominciare il prossimo campionato con una nuova maglia. Se non si troverà una soluzione sul futuro l’argentino, che si sente messo ai margini dall’Inter, potrebbe tentare una mossa simile a quella che consentì a Goran Pandev di passare gratis proprio all’Inter. Il caso Icardi è diverso, in fatto e in diritto, e le possibilità di vittoria sono risicate. Ma ci sono. Il collegio arbitrale potrebbe infatti riconoscere che nelle vicende che hanno riguardato l’attaccante — in ordine di importanza: la rimozione come capitano, la mancata convocazione contro la Lazio il 31 marzo, l’isolamento nello spogliatoio, il braccio di ferro che ha portato al mancato rinnovo del contratto — la società nerazzurra non abbia agito correttamente. Tecnicamente, Icardi potrà sostenere che l’Inter senza giustificazione lo abbia trattato in maniera diversa rispetto ai compagni.

FONTE  La Repubblica

20190611_084942893363881.png