Petrachi, tra il sogno Sarri e gli altri nomi per la panchina

20190530_0747402082942468.png

– Ha già cominciato, non ufficialmente ma di fatto è così. Petrachi inizia a costruire la Roma del futuro. Il dirigente è nella Capitale da qualche giorno ed ha dato il via ai primi incontri per risolvere la questione allenatore e pianificare il calciomercato estivo. Uno dei compiti prioritari del ds, convinto di liberarsi dal Torino entro le prossime due settimane, è quello di trovare un tecnico dopo i no di Conte e Gasperini. Insieme agli altri uomini del club si sta ragionando sul miglior profilo su cui puntare, con Sarri in cima alle preferenze, seguito nell’ordine da De Zerbi, Mihajlovic, Gattuso, Giampaolo e dal tecnico dello Shakhtar Donetsk, Fonseca. Si è fortemente raffreddata la pista che porta al serbo, che nel recente passato ha avuto qualche contatto con Totti: il Bologna vuole ripartire da lui dopo aver conquistato la salvezza e già vengono impostate in sintonia le prime operazioni di mercato, inoltre, dettaglio non da poco, la tifoseria giallorossa ha già fatto capire a più riprese che non sarebbe contenta di ritrovarsi in panchina un ex giocatore della Lazio, oltre che tifoso biancoceleste dichiarato. La Roma resta in attesa degli sviluppi su Sarri, fresco vincitore dell’Europa League e desideroso di continuare il lavoro al Chelsea, titubante su un esonero che sembrava ormai certo.

QUESTIONE CESSIONI – Oltre all’allenatore un’altra urgenza di Petrachi sono le cessioni, dovendo effettuare una cinquantina di milioni di plusvalenze entro il 30 giugno. Tra i giocatori con le valige in mano c’è sicuramente Dzeko, pronto a cambiare aria dopo quattro anni in giallorosso. Il numero 9 è cercato con insistenza dalla nuova Inter di Conte e dalla Bosnia è arrivata la notizia che il ct Prosineski gli ha concesso un giorno di permesso per risolvere la questione prima degli impegni con Grecia e Italia. Dzeko sta già cercando casa a Milano, ma prima della definizione dell’affare le due società devono trovare un accordo sulla valutazione (sopra i 4,6 milioni sarà tutta plusvalenza) e non è da escludere l’opzione di uno scambio. Tra pochi giorni l’ufficialità del ds che una cosa è certa, avrà da metter mano su una situazione generale non semplice.

FONTE    SARA BENEDETTI

img_20190426_1004524167903860040334793.jpg