Petrachi, percorso tutto in salita per piazzare i sopravvalutati

img_20190515_2130334637133028806092766.jpg

Il rischio per il nuovo direttore sportivo sono le minusvalenze con le possibili cessioni di Pastore, Schick e Nzonzi

20190523_0956581311858678.png

“Rivoluzione” è il termine maggiormente accostato alla Roma in queste settimane, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

È una rivoluzione pensare ad una squadra senza più De Rossi, che saluterà presumibilmente Manolas e Dzeko e che avrà un nuovo allenatore (Gasperini) più un nuovo direttore sportivo. Il lavoro che attende Petrachi non è facile.

In primis dovrà abbassare il monte-ingaggi (ora, senza Luca Pellegrini al Cagliari, è di 90,9 milioni lordi) e poi acquisire calciatori che s’integrino negli schemi di Gasperini. L’allenatore piemontese non è Sarri, più malleabile in generale nell’adattarsi alla rosa a disposizione. Per il suo 3-4-3 ha bisogno di elementi specifici. L’ennesimo ribaltone di mercato è dunque alle porte.

Ci sono alcuni calciatori della rosa dei quali sarà difficile liberarsi. Prendiamo ad esempio il caso di Pastore, l’emblema del flop estivo di Monchi. L’argentino, 30 anni a giugno, è stato pagato 24,6 milioni (più 1 di commissioni) e ha un contratto sino al 2023. Percepisce un ingaggio di 4 milioni (7,4 al lordo). Tradotto: a breve il valore residuo a bilancio sarà di 19,5 milioni. Nel suo caso, l’unica strada percorribile appare il prestito, con il rischio però di doversi sobbarcare gran parte dello stipendio.

Ma non finisce qui. Perché se Schick (e Karsdorp), flop dell’era monchiana, potrebbe forse ritagliarsi un ruolo alla Ilicic (e in quest’ottica i preliminari di Europa League potrebbero agevolare il lavoro di Petrachi e Gasperini: se si ritrova, rimane, altrimenti cessione/prestito in Germania), improbabile che ce la facciano calciatori come Olsen e Nzonzi. Il francese classe ’88 è costato 27,9 milioni (più 1,5 di commissioni), guadagna 3,1 milioni (5,7 al lordo) e a bilancio pesa ancora per 22 milioni. Il portiere, invece, è costato meno (9 milioni più 2,3 di commissioni). Chi li vuole, però, giocherà al ribasso.

C’è poi Perotti (ingaggio di 2,7 milioni, 5,0 lordi). Già la scorsa estate a Trigoria provarono a trovargli una sistemazione, scontrandosi con il parere negativo del calciatore. L’argentino adora Gasperini (“Mi ha cambiato la carriera”) ma sono trascorsi ormai tre anni e Diego a luglio ne farà 31, reduce da una stagione nella quale è stato più in infermeria che in campo. Rischia di diventare un boomerang anche la valutazione (9,5 + 0,5 di commissioni) data a Santon. Per non fare minus-valenza, Petrachi dovrebbe cederlo a 8 milioni. Non pochi.

FONTE    Stefano Carina

img_20190426_1004524167903860040334793.jpg