Il flop di Pastore e la fatica di Nzonzi. I colpi dell’estate finiti sotto accusa

photo_1539625222826_1-1455269604.jpg

Insieme sono costati 51,2 milioni. L’argentino non gira, il francese a volte manca di personalità

In tutto 51,2 milioni di euro, più 4 di possibili bonus. Non tutto il teso­retto incassato con la cessio­ne di Alisson (62,5 più dieci di bonus) ma quasi, siamo lì. Sono i soldi che la Roma ha speso in estate per portare in giallorosso Javier Pastore e Steven Nzonzi, due dei gio­catori più discussi in questa tormentata stagione giallo­rossa. Anche nella sfida di Firenze, quella dell’umilian­te 7­-1, dove Di Francesco si è visto costretto a cambiarli entrambi dopo appena 45 minuti. Pastore perché ave­va di fatto sbagliato tutto quello che c’era da sbaglia­re, Nzonzi perché non ag­giungeva quella qualità e quel cambio di passo di cui invece la Roma aveva biso­gno per provare a riprende­re la partita di mercoledì se­ra al Franchi (in quel mo­mento peraltro ancora sul 3­1).

screenshot_2018-07-01-21-51-37_1-1350011785.jpg