Coppa Italia, la Roma al primo bivio

photo_1548582260017848294233.png

– Dentro o fuori. Una partita “senza margine di errore” ricorda Di Francesco, per mettere sull’attenti la sua Roma bella e fragile insieme: a Firenze – ore 18.15 – si gioca contro i viola il quarto di finale di Coppa Italia in gara secca, con eventuali supplementari e rigori. E’ il primo bivio cruciale della stagione, che separa due prospettive opposte: restare in corsa su tre fronti, oppure buttare al vento l’unica occasione “accessibile” per tornare a vincere un trofeo che manca da 11 anni.

La Roma arriva all’appuntamento con più pensieri della Fiorentina, reduce da una vittoria rocambolesca a Verona con il Chievo e rigenerata dal colpo di gennaio Muriel. “Speriamo non sia in giornata – si augura Di Francesco a proposito del colombiano – L’ho allenato a Lecce alle prime armi e ha qualità straordinarie”. E contro una difesa come quella dei giallorossi vista a Bergamo, c’è da stare preoccupati. “Pensavamo di aver ritrovato maggior equilibrio – prosegue l’allenatore – ma le partite contro Torino e Atalanta ci hanno fatto capire invece che dobbiamo ancora lavorare tanto. Un difensore deve pensare sempre in negativo, temendo che da un momento all’altro possa succedere qualcosa”. Invece, specialmente quando si va sopra di un paio di gol, la tensione s’abbassa. “La sindrome delle rimonte si può curare, bisogna lavorare sulla personalità, che non si compra”.

La Coppa Italia, dopo la debacle col Torino dell’anno scorso, Di Francesco la considera importante e quest’anno è in buona compagnia. “Ci teniamo tanto, specialmente ora che la Coppa è diventata un po’ per tutte le squadre il torneo dove c’è maggiore voglia di andare avanti. Cercheremo di andare in semifinale, sapendo che giochiamo fuori casa contro una squadra simile a noi: segniamo tanto e ne subiamo altrettanti. Dobbiamo migliorare in difesa”. Per farlo, rispolvera al centro la coppia Manolas-Fazio in attesa di un possibile innesto dal mercato. Kolarov confermato a sinistra, mentre a destra dovrebbe rivedersi Florenzi, a meno che il tecnico non voglia schierarlo esterno d’attacco: in quel caso sarà Santon il terzino. Il duo in mediana è scontato: Nzonzi e Cristantesono squalificati domenica per il Milan in campionato quindi tocca a loro, mentre Lorenzo Pellegrini partirà dalla panchina insieme a De Rossi. “Ma Daniele è in crescita – spiega Di Francesco – e se può darmi risposte sarà della partita”. Magari in corso d’opera. Il trequartista centrale può essere quindi uno fra Pastore e Zaniolo, quest’ultimo pronto a spostarsi ancora a destra e convivere col Flaco ed El Shaarawy sulla corsia opposta.

Immancabile il commento del tecnico sul “pizzino” di Paratici pubblicato da Il Tempo domenica scorsa, col nome del baby giallorosso tra gli obiettivi di mercato della Juve: “Non mi piacciono i pizzino, sono discorsi che fanno comodo per far girare delle voci. Zaniolo gioca con noi e sono felice di tenerlo”. Ballottaggio fra Dzeko e Schick davanti, “probabile giochi solo uno di loro” svela Di Francesco, che risponde stizzito alla domanda sul perché il ceco è rimasto fuori a Bergamo: “Al posto di chi doveva giocare? Di Dzeko che ha segnato due gol e stava facendo bene?”. Nervi scoperti, tipici ci ogni allenatore prima di uno spartiacque del genere.

FONTE    IL TEMPO – AUSTINI

screenshot_2018-09-16-11-23-50_1429618164.jpg