Zaniolo, parla il padre: “Solo la Roma nella sua testa. Il segreto? In allenamento sputa sangue”

cliccare sull’immagine...

20190112_131128455825794.png

Il papà del numero 22 era all’Olimpico nella vittoria contro il Torino: “Ha fatto passi da gigante, ma la strada è lunga”

Un gol spettacolare, la palma di migliore in campo, gli occhi del ct Mancini e dei migliori club d’Europa su di lui. Per Nicolò Zaniolo la gara di ieri contro il Torino è stata “un’altra giornata da incorniciare”.

A dirlo è il papà del numero 22 giallorosso, Igor, presente all’Olimpico ad ammirare il talento e le prodezze del figlio. Intervistato da Tuttomercatoweb, Zaniolo senior, ex calciatore, non ha potuto che tessere le lodi di Nicolò per quanto dimostrato in così poco tempo.

“Nicolò sta facendo davvero bene, è sotto gli occhi di tutti. Ma la strada è ancora lunga e lui deve solo continuare a lavorare, senza montarsi la testa”. Delle belle soddisfazioni per un padre, soprattutto per chi ha già calcato i campi di calcio: “Dalla Nazionale alla Champions League, passando per il campionato, Nicolò in questi mesi ha fatto passi da gigante“.

Nicolò Zaniolo sta sorprendendo tutti anche per la sua maturità nel gioco e personalità, tutt’altro che scontate per un classe ’99: “In campo, con la palla e senza, sembra un calciatore molto più esperto. E anche in allenamento è uno che sputa sangue, nessuno d’altronde ti regala la maglia da titolare della Roma. Dietro al suo successo c’è un lavoro costante”, aggiunge Igor Zaniolo.

Su di lui ci sono già squadre top d’Europa, come l’Arsenal. I tifosi della Roma sperano di non perderlo, e la società giallorossa e già al lavoro per un adeguamento sostanzioso e un prolungamento fino al 2024 del contratto: “So che se ne è parlato, ma Nicolò in questo momento è concentrato solamente sul campo. Lui è molto riconoscente nei confronti della Roma, una grande squadra che gli ha dato la sua prima opportunità ad alti livelli. Ci sono solo i giallorossi nella sua testa, vuole continuare così”, conclude il papà di Nicolò.