Col Sassuolo si candida Dzeko dal 1

Schick è destinato alla panchina, De Rossi rimane un punto interrogativo, Nzonzi dà segnali di cedimento.

Adesso tocca a Dzeko. La Roma ha davanti due sfide fondamentali per la classifica contro Sassuolo e Parma e per affrontarle al meglio dovrebbe ritrovare dal 1’ il suo bomber, che ieri allo Stadium ha giocato lo spezzone finale senza riuscire ad entrare nel vivo dell’azione e affiancando Schick in attacco, ma da mercoledì si cambia. “Non so se lo farò giocare dall’inizio” dice Di Francesco. Se così fosse, probabilmente il bosniaco avrebbe ai suoi lati le ali classiche: Under e Kluivert i favoriti, ma con Perotti che man mano sta riprendendo confidenza col campo e presto potrà tornare a candidarsi per una maglia e con El Shaarawy prossimo al ritorno in squadra.

Il Faraone potrebbe essere rientrare tra i disponibili per il primo «boxing day» italiano, in settimana ha fatto progressi ed è più “convocabile per mercoledì rispetto a Lorenzo Pellegrini”svela l’allenatore. Stamattina i giallorossi si ritroveranno a Trigoria per la ripresa degli allenamenti e Di Francesco inizierà a valutare i giocatori su cui potrà contare per le ultime due sfide dell’anno. Se torna Dzeko, Schick è destinato alla panchina, De Rossi rimane un punto interrogativo, Nzonzi dà segnali di cedimento fisico (mal di schiena) ma potrebbe essere costretto a stringere i denti un’altra settimana. Poi tutti in vacanza.