Adesso il miglior alleato è la Raggi

La necessità per il sindaco e la sua maggioranza è quella di riuscire a portare a casa un risultato tangibile e visibile

Il miglior alleato del progetto Stadio della Roma è, paradossalmente, Virginia Raggi. O, meglio, la sua debolezza e il fallimento di questi primi 28 mesi di governo. La necessità per il sindaco e la sua maggioranza è quella di riuscire finalmente a portare a casa un risultato tangibile e visibile: e nulla come la prima pietra dello Stadio potrebbe contribuire a risollevare le meste sorti di questa amministrazione che annega fra i rifiuti e il degrado. Per la Raggi il problema – chiusa la parentesi dei suoi guai giudiziari della vicenda Raffaele Marra con l’assoluzione “perché il fatto non costituisce reato” – ora sta in Consiglio comunale. Fra i suoi consiglieri. Fino a qualche settimana fa i mal di pancia sullo stadio erano non meno di 5, più probabilmente sette. Cinque/sette consiglieri che le avevano chiaramente detto di non portare in Aula per il voto la variante e la convenzione perché avrebbe rischiato non tanto un voto contrario – non é prassi in nessun partito e i 5Stelle non fanno eccezione, che su provvedimenti di tale rilievo ci sia espressione di dissenso con il voto contrario – quanto piuttosto di non avere il numero legale in Consiglio.

Il tema è che non pochi fra i grillini che siedono in Aula Giulio Cesare il progetto, anche nella versione rivisitata con il taglio delle opere pubbliche studiato per poter tagliare cubature e, quindi, eliminare le torri di Libeskind, è visto come un favore ai costruttori, una specie di regalo. L’anima 5Stelle del “no” a qualunque opera, pubblica o privata che sia, emerge in tutta la sua forza su questo progetto. Per questo, dopo aver ordinato una due diligence agli uffici comunali su tutti gli atti emanati dal Campidoglio nel corso di tutti gli anni di valutazione del progetto – un atto piuttosto inutile visto che la valutazione sulla congruità degli atti viene richiesta a quegli stessi uffici che li hanno emanati – la Raggi ha sentito l’urgenza di rivolgersi anche al Politecnico di Torino per verificare il problema traffico.

Il contratto siglato dal Dipartimento Mobilità con il Politecnico, però, è talmente risicato che vieta espressamente all’Ateneo qualunque simulazione e, perfino, qualunque raffronto con altre ipotesi progettuali lasciando ai professori solo il compito di rifare quanto già protocollato da Eurnova su indicazione del Comune e con dati di partenza e software forniti dal Comune stesso. Insomma, un bollino blu e basta. Un bollino blu sul quale il Comune ha anche steso una specie di segreto a metà fra quello di Stato e quello industriale per cui sarà proprio il Campidoglio a far sapere al mondo l’esito dello studio del Politecnico che arriverà in forma preliminare entro il 9 dicembre e in relazione definitiva entro il 9 gennaio. Un bollino blu, però, che consentirà alla Raggi di tacitare i più riottosi fra i suoi e riportarli in Aula a votare variante e convenzione, probabilmente fra febbraio e marzo 2019.

FONTE   IL TEMPO

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.