Roma, la crisi non è passata: la Spal domina e vince 2 a 0 all’Olimpico – FOTO

photo_1539846846520_1_1-406751365.jpg

Partita imbarazzante della squadra di Di Francesco. Senza grinta e gioco, la rassegnazione di alcuni giocatori in campo è il più grande allarme di una squadra di nuovo in crisi

Quando sembrava essere passato il momento buio, ecco di nuovo la Roma nel baratro. Sconfitta in casa per 2 a 0 contro la Spal, reduce da quattro ko consecutivi. Due gol regalati ingenuamente, una prestazione imbarazzante per gioco e intensità. Anche con l’uomo in più negli ultimi venti minuti i giallorossi non sono riusciti a creare occasioni da gol. La rassegnazione negli occhi di alcuni è il dato più allarmante. La Roma è di nuovo in crisi.

LAZZARI – Tanto possesso palla, qualche tiro sballato e fiacco verso la porta, poi il gol beffa. La Roma è uscita dal primo tempo sotto uno a zero grazie alla rete di Petagna su rigore, ma soprattutto grazie al guizzo vincente di Lazzari che è riuscito a superare l’ingenuo Luca Pellegrini in area e a subire il lieve contatto del terzino giallorosso. Un tiro in porta della Spal, un gol. Sete conclusioni invece da parte della squadra di Di Francesco ma senza cattiveria e convinzione.

ROMA SPRECONA – La squadra ha avuto infatti sì il pallino del gioco, ma è stata carente di gioco e soprattutto di intensità. Il reparto offensivo non è infatti riuscito a concretizzare le numerose occasioni per portarsi in vantaggio, spesso sbagliando l’ultimo passaggio o la mira verso lo specchio della porta. Il gol del vantaggio ospite è arrivato in una delle poche ripartenze che la Spal è riuscita a mettere in pratica: il duello Lazzari-Pellegrini fino ad ora premia l’esterno biancoceleste, che è riuscito con esperienza a procurarsi il calcio di rigore

SECONDO TEMPO – Inizio di secondo tempo drammatico. La grande occasione per la Roma – alla prima vera verticalizzazione della partita – con un Dzeko ancora timido sotto porta e che ha impattato debolmente, quasi svogliatamente, il pallone mandandolo al lato. Poi il raddoppio della Spal, su colpo di testa di Bonifazi, lasciato libero in area di rigore. Fischi per Cristante al cambio con Justin Kluivert: il centrocampista riproposto sulla mediana non è riuscito a dare incisività né in fase offensiva, né tantomeno in quella difensiva.

RASSEGNAZIONE – Menzione a parte questa volta all’arbitro Pairetto, incapace di gestire una partita tesa e con un risultato in bilico. Tanti falli della Spal non segnalati, continue perdite di gioco da parte del portiere che solamente al gesto più plateale è stato ammonito due volte, rimediando l’espulsione. Una partita surreale da parte dei giocatori della Roma, nervosi e in alcuni momenti della partita anche rassegnati. Con l’uomo in più Di Francesco ha provato il tutto per tutto: difesa a tre e tutti avanti. Undici contro dieci, ma nessuna occasione nitida da gol. La rassegnazione di alcuni giocatori in campo è il dato più allarmante di una squadra che inevitabilmente rientra nella crisi che sembrava ormai alle spalle. entre a sinistra confermato El Shaarawy con Kluivert pronto a subentrare.

FONTE      Jacopo Aliprandi,