Da De Rossi ai Pellegrini, torna di moda l’italianismo

photo_15387710045051104964472.png

A Empoli Di Francesco ha schierato cinque italiani dal primo minuto e due sono entrati nella ripresa. Nella Roma non accadeva dal 31 maggio del 2015

screenshot_2018-08-21-22-38-27_1755704602.jpg

Fino a qualche tempo fa si esultava perché nell’undici figurava il solo El Shaarawy come rappresentante italiano della Roma. A Empoli ce n’erano addirittura cinque, come riporta Alessandro Angeloni su Il Messaggero.  Santon, Lu. Pellegrini, De Rossi, Lo. Pellegrini e, sempre lui, El Shaarawy.

screenshot_2018-09-30-12-03-05_1-1978184719.jpg

Florenzi a Empoli è entrato in campo nella ripresa, altro italiano, così come Cristante, altro italiano pure lui. Cinque subito, dunque, più due dopo. Si grida al record perché quel dato non lo si vedeva dal 31 maggio del 2015, quando la Roma, ottenuta la qualificazione alla Champions League, schiera con il Palermo nell’ultima giornata cinque italiani nell’undici titolare: Florenzi, Balzaretti, Astori, De Rossi e Totti (in panchina De Sanctis, Verde e Lorenzo Pellegrini).

Oggi il club giallorosso è nel pieno della strada dell’italianismo, a partire dall’allenatore, primo italiano (a parte Andreazzoli, considerata soluzione tampone) degli americani. In rosa oltre a quelli citati di Empoli va aggiunti Zaniolo, già nelle mire di Mancini. Infine, c’è Mirante, che è il secondo di Olsen. Il centrocampo è il reparto più folto, l’attacco quello più vuoto (c’è il solo El Shaarawy). Nove più l’allenatore. 

FONTE   Alessandro Angeloni