Roma, un super attacco per calare subito il poker…..

photo_15387710045051104964472.png

GAZZETTA DELLO SPORT – CECCHINI – Immaginatelo come se fosse al tavolo verde. Carte in mano, sguardo furbo in stile Paul Newman nel film «La stangata», e stessa voglia di centrare un poker che riapra tutti i giochi. Così Eusebio Di Francesco guiderà la Roma stasera nella trasferta di Empoli, contando di cogliere il quarto successo consecutivo dopo quelli ottenuti in una settimana contro Frosinone, Lazio e Viktoria Plzen.

screenshot_2018-08-21-22-38-27_1755704602.jpg

L’ESODO Non è una missione impossibile, naturalmente, anche perché un grande aiuto potrebbe arrivare anche dal tifo giallorosso, che oggi si trasformerà in esodo, visto che a Empoli sono attesi quasi quattromila romanisti, pronti ad applaudire soprattutto la rinnovata vena realizzativa della squadra.

screenshot_2018-09-30-12-03-05_1-1978184719.jpg

torna il faraone D’altronde, se nelle ultime tre partite i gol segnati sono stati addirittura 12, il segno dello sblocco psicologico pare evidente. Tra l’altro, l’allenatore ha sempre considerato particolare segno di salute il fatto che vadano a segno gli attaccanti. Ebbene, contro il Viktoria in Champions League hanno trovato la porta sia Sua Maestà Edin Dzeko, sia Under e Kluivert. Come dire, missione compiuta e turnover pronto a essere rispolverato, visto che dall’inizio stavolta dovrebbe toccare ad El Shaarawy. Il Faraone è carico, anche se ancora una volta non è riuscito a centrare uno dei suoi obiettivi stagionali, cioè il ritorno in Nazionale. Finora, però, l’attaccante giallorosso ha già segnato due gol, dimostrando una vena non banale. Insomma, in un reparto avanzato che ha ritrovato tutta la fiducia psicologica che occorre per le grandi imprese e per «ricominciare a scalare posizioni» (parola di Di Francesco), la vena del Faraone può tornare senz’altro utile.

DE ROSSI E SCHICK I dubbi dell’allenatore, infatti, riguardano soprattutto altri reparti. La difesa, col ballottaggio Santon-Florenzi e Fazio-Juan Jesus, per non parlare del centrocampo dove il recuperato dell’ultim’ora, cioè Daniele De Rossi, insidia il posto a Cristante, nonostante si sia allenato col gruppo la prima volta solo due giorni fa. La riserva sarà sciolta solo stamattina, quando il capitano giallorosso farà un provino per testare le condizioni del ginocchio infiammato, ma l’ottimismo non manca. C’è da dire, però, che anche in attacco un piccolo spazio per il colpo di scena c’è ancora. Non è escluso, infatti, che Schick possa essere schierato a destra, con la speranza che anche lui si iscriva al partito delle punte che hanno ritrovato la via della rete. «A volte ci sono giocatori che hanno un tempo di maturazione differente da altri, – assicura infatti Di Francesco – ma una volta che arrivano poi diventano giocatori forti. Su Patrik mi sbilancio: ha le caratteristiche per diventare un calciatore forte». Ovviamente l’Empoli spera che non lo dimostri proprio stasera al Castellani.

CALAFIORI NEGLI USA Titoli di coda sullo sfortunato Riccardo Calafiori, il 16enne promettente terzino sinistro rimasto vittima martedì scorso di un gravissimo infortunio al ginocchio contro il Viktoria in Youth League. Il suo procuratore Raiola e la famiglia hanno deciso, in accordo con la Roma, di farlo operare a Pittsburgh negli Stati Uniti dal professor Freddie Fu, lo stesso che è intervenuto nella scorsa stagione su Ibrahimovic. Inutile dire che la squadra giallorossa è pronta ancora una volta a dedicargli la vittoria di stasera sull’esempio di Dzeko in Champions. Col gol ritrovato, in fondo, il poker sarà più facile.

FONTE   GAZZETTA DELLO SPORT – CECCHINI

FB_IMG_1482445694479