Da Bernardini a Pellegrini, quando il gol alla Lazio è romano si gode di più

photo_1537855590231_1573029949.jpg

Sono ben 18 i calciatori giallorossi nati a Roma (e dintorni) ad essere andati a segno nei derby della Capitale: su tutti Totti, ma anche De Rossi, Giannini, Di Bartolomei, Conti, De Sisti, Amadei e tanti altri. Dall’altra parte il pallottoliere si ferma a 5…

photo_1538312635678_12082057074.jpg

Lorenzo Pellegrini è solo l’ultimo di una lunga lista. Già, perché dal 1927 ad oggi sono ben 18 i calciatori giallorossi nati a Roma (e dintorni) ad aver messo a segno un gol nel derby della Capitale (16 in Serie A, 2 in coppa Italia). È vero, le stracittadine per i romani sono diverse dagli altri. Lo sa bene un certo Claudio Ranieri, che nel 2010 decise di togliere dal campo contemporaneamente sia Totti che De Rossi, andando poi a vincere quel derby. La pressione in certe partite rischia di annebbiare la vista e mandare in tilt i piedi, ma ti può anche far sbocciare. Proprio come è successo ieri a Pellegrini e ad altri diciassette prima di lui.

DA BERNARDINI A GIANNINI – Il primo romano della lista è Fulvio Bernardini in un derby vinto dalla Roma il 4 maggio del 1930. Quasi uno scherzo del destino visto il suo passato alla Lazio. Alla fine saranno ben 4 le reti messe a segno da Bernardini nelle stracittadine, una in meno di Amedeo Amadei. Di Benedetti (2 gol), Fasanelli e Dangianti (in Coppa Italia) sono gli altri romani a segnare in quegli anni nei derby prima della guerra. Dopo si riparte proprio da Amadei, passando per Cardarelli, Orlandi e Spinosi. Negli Anni 70 è il turno di Giancarlo De Sisti, in gol nelle stracittadine per ben 3 volte. Poche le reti dei romani negli ’80 (sono gli anni della Lazio in B…), ma anche Bruno Conti e Agostino Di Bartolomei hanno la possibilità di esultare per un loro gol nei derby. Dopo la rete di Di Carlo in Coppa Italia, si passa a capitan Giuseppe Giannini (2 gol) e a Cappioli (un gol, senza dimenticare la sua doppietta contro i biancocelesti nel torneo quadrangolare Calleri).

TOTTI E I SUOI FIGLI – Ovviamente il primo nome che viene in mente quando si parla di gol romani e romanisti nei derby non può che essere il suo: Francesco Totti. Lo storico capitano giallorosso ha segnato per ben 11 volte ai laziali: la prima nel 1998, l’ultima nel 2015 con una doppietta. Meglio di lui non ha fatto nessuno, romani e non. Due i gol segnati da Daniele De Rossi, mentre Alberto Aquilani, Alessandro Florenzi e Lorenzo Pellegrini completano la lista. Piccola curiosità: negli ultimi 4 anni un romano e romanista è sempre andato nelle stracittadine: Totti nel 2015, Florenzi nel 2016, De Rossi nel 2017 e Lorenzo Pellegrini nel 2018.

E LA LAZIO? – Ben 18 marcatori diversi, per un totale di 39 reti. Numeri impressionanti, soprattutto se paragonati a quelli laziali. Prima della guerra i calciatori biancocelesti nati a Roma vanno a segno soltanto in derby di partite amichevoli, dopo solo in 5 riescono a far gol. In ordine cronologico: De Andreis, Giordano, Di Canio, Di Mauro (giocatore con un passato nella Roma) e Candreva. C’è chi penserà a D’Amico, che però è nato a Latina. Totale: 8 reti. “È la storia che vi condanna”, parola della Curva Sud in un derby di qualche anno fa. Impossibile darle torto.

I MARCATORI ROMANI NEI DERBY

ROMA
Totti 11
Amadei 5
Bernardini 4
De Sisti 3
De Rossi 2
Di Benedetti 2
Giannini 2
Aquilani 1
Cardarelli 1
Conti 1
Di Bartolomei 1
Florenzi 1
Orlando 1
Pellegrini 1
Spinosi 1
Di Carlo 1 – Coppa italia
Fasanelli 1 – Coppa Italia

LAZIO
Giordano 3
Di Canio 2
Candreva 1
De Andreis 1
Di Mauro 1

fb_img_1537513755172_1942913824.jpg