TOTTI :”IO PRESIDENTE DELLA ROMA? PERCHÉ NO…” “PER IL BENE DI QUESTA SOCIETÀ FACCIO TUTTO”

Un Capitano al Colosseo. E Roma che abbraccia Francesco Totti, 25 anni di vita in giallorosso festeggiati nel giorno del suo 42esimo compleanno con un libro-autobiografia in una serata-evento al centro del monumento simbolo della città eterna. Eterna vuole essere la vita giallorossa dell’ex n.10. “Presidente della Roma? In futuro perche no…”, ha detto all’Ansa prima del via alla serata. Nella quale Totti è stato mattatore sul palco prima col sindaco Virginia Raggi (“io e te nella stessa scuola? Io ci andavo poco, ecco perche non ci siamo incontrati”) poi con Rosella Sensi, Daniele De Rossi, Marcello Lippi e Walter Veltroni, a fare da anfitrione Paolo Condo’, autore del libro edito da Rizzoli. Una serata evento, sotto le stelle, abbracciato dal Colosseo.

photo_1535092393147_1713929054.jpg

Totti celebra il suo 42/o compleanno da ultimo gladiatore, presentando l’autobiografia davanti a una ristretta cerchia di invitati. C’è ovviamente la sua famiglia, ma anche la sindaca Raggi e l’ex primo cittadino Veltroni, Marcello Lippi e Cesare Prandelli, i compagni con cui ha vissuto la cavalcata mondiale in Germania nel 2006. Undici anni dopo è arrivato il ritiro, il ruolo al fianco del ds Monchi e un futuro ancora da scrivere. “Diventare un giorno presidente della Roma? Perché no, ma il futuro non lo so prevedere – spiega all’Ansa -. Quello che è certo è che cercherò di fare sempre il bene di questo club, da presidente, vicepresidente o anche semplice collaboratore”. “Adesso fare da tramite tra società e giocatori è il ruolo che mi si addice di più, poi nella vita tutto può succedere” aggiunge, sottolineando che l’autobiografia è stata scritta “per parlare di Francesco, dell’uomo più che del calciatore. Come definisco il libro? Piacevole”. Anche se non a tutti è piaciuto. Franco Baldini ad esempio sembra sul punto di lasciare il comitato esecutivo della Roma per alcuni passaggi. “Ma io non speravo nelle sue dimissioni, spero non si arrabbi nessun altro. Non ho fatto questo libro per togliermi sassolini. Ho scritto la verità, non cavolate”.

screenshot_2018-09-26-09-20-56_1543802181.jpg

Dall’infanzia in via Vetulonia a quel “speravo de morì prima” legato al giorno dell’addio al calcio. Totti si confessa al giornalista Paolo Condò. Sfogliando le cinquecento pagine Francesco ripercorre i primi passi col pallone, l’ammirazione in gioventù per il Milan di Sacchi (“la squadra più esaltante che abbia mai visto, l’unica nella quale fantasticavo di giocare”) e il no all’offerta monstre del Real Madrid nel 2005: “Mi offre 12 milioni di euro all’anno e una gestione mista dei diritti d’immagine. Non andrò perché non è la mia storia. La mia storia è Roma”. Una storia infinita in cui incrocia l’amore (Ilary Blasi), il successo professionale (su tutti scudetto nel 2001 e Mondiale nel 2006), ma anche rapporti difficili da gestire. Tra questi quello con Cassano, “un uomo puro, spontaneo ai limiti dell’autolesionismo” messo al muro assieme al fidato Vito Scala quando gridò a Franco Sensi “Brutto avaro, spendi i tuoi soldi maledetti e compra qualche campione”.

Il filo che lo lega a Spalletti (“il dobermann” secondo la definizione di Buffon presente nel libro) è invece riannodato in due capitoli in cui se ne leggono di tutti i colori. Totti definisce il toscano come “un grande allenatore, forse il migliore che abbia avuto”, rivelando conversazioni private sul filo del rasoio come quelle riguardanti la cacciata da Trigoria (“Vigliacco, adesso che non ti servo più mi rompi il cazzo, eh? Sei tornato qui con una missione, portala a termine!”) e il successivo faccia a faccia dopo la gara con l’Atalanta in cui “perdo le staffe anch’io e ci devono separare in quattro perché altrimenti ce le daremmo di santa ragione”.

Pepato anche il confronto dialettico con Franco Baldini che, ricorda Totti, “è il consulente più ascoltato da Pallotta”, e che nell’estate del 2011 rivelò all’allora capitano “Guarda Francesco, se fosse per me io ti venderei”. “Baldini mi considera il male della Roma perché, a suo parere, condiziono troppo l’ambiente” scrive Totti nel libro, arrivando a definire “La rivelazione dell’assassino” il momento in cui Baldini nella riunione avuta a Londra dopo il ritiro dal calcio gli confessò “Sono stato io, Francesco, a farti ritirare. Ho voluto e sostenuto Spalletti perché sapevo che la pensava come me”.

FONTE  ANSA