Ma dal baby Kluivert arrivano lampi nel buio

 

photo_1535092393147_1713929054.jpg
|

 – Nel buio che ha avvolto l’inizio di stagione della Roma, tra i tanti equivoci tattici e i risultati negativi, si è visto anche qualcosa di buono. La «leggerezza» e lo spirito di adattamento di Justin Kluivert sono qualità da cui Di Francesco potrà ripartire dopo la pausa del campionato.

zombomeme 21082018180533-1314684152..jpeg

Una sosta che l’attaccante non trascorrerà a Trigoria ma con la sua nazionale, chiamato dal c.t. Ronald Koeman per le due gare che l’Olanda disputerà contro il Perù e la Francia. Kluivert, rimasto in panchina per 90 minuti col Milan, ha già mostrato di avere la sfacciataggine giusta, ma anche la testa e le qualità per far parte della rosa della Roma. Decisivo, partendo da destra nonostante sia stato preso per giocare dalla parte opposta, con un assist per Dzeko nei venti minuti giocati a Torino; un po’ meno nella ripresa contro l’Atalanta, in cui ha avuto sui piedi un pallone che avrebbe potuto regalare ai giallorossi una vittoria insperata. Kluivert, lo sa bene Monchi che ha dovuto superare la concorrenza di alcuni top club europei per prenderlo, lo è: tocca a Di Francesco farlo crescere il più in fretta possibile. La Roma ne ha bisogno.

FONTE    CORRIERE DELLA SERA

img_20180706_133548-395491.jpg