Montella: “Screzi con Sabatini, la Roma è rimasta qualcosa di incompiuto. Un giorno potrei tornare”

Articolo sponsorizzato da dormiresoluzioni…cliccare sul sito

screenshot_2018-07-01-08-22-31_1-528158261.jpg

L’ex tecnico giallorosso: “Il mio no ai giallorossi nel 2012 perché avevo dettato le mie condizioni. Non ho rimpianti”

L’ex tecnico di Roma, Milan e Siviglia Vincenzo Montella ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Gazzetta dello Sport”. Questo una parte delle sue parole sulla Roma e la sfida al prossimo scudetto.

Parlando di pazzia, è stato in questa casa che nel 2012 disse no alla Roma? La vulgata racconta che mise alla porta Baldini e Sabatini.
“Non è andata proprio così (ride, ndr ). Con Franco non ho avuto problemi, mentre con Sabatini ci sono stati screzi durati fino a un chiarimento. Motivi? Vari. Avevo dato le mie condizioni. Mi sembrava giusto. Se diventi l’allenatore della Roma, devi essere rispettato a priori. Se non ti senti così, meglio non fare niente. Ma nessun rimpianto. La Roma è rimasta qualcosa d’incompiuto. Chissà, sono ancora giovane (ride, ndr )”.

Dopo i litigi del 2001, adesso capisce meglio il punto di vista di Capello? Cioè, lei schiererebbe tutti insieme Totti, Delvecchio, Batistuta e Montella?
“Difficile, dipende anche dagli altri in campo. Magari si potrebbe farlo per sbloccare la partita. Adesso Capello l’ho capito, ma non sempre. Io comunque avevo un carattere non facile per i tecnici. Forse era il mio modo per rendere al meglio. Ecco, quello non è stato fra i miei periodi più felici. Ero sempre arrabbiato”.

Dopo la Juventus chi c’è?
“Al momento dietro c’è proprio il Napoli, poi Inter e Roma. I nerazzurri si stanno rinforzando in modo giusto e Monchi con i giovani è una garanzia”.

FONTE   GDS