Le due facce della Roma, Alisson: “Se resto? Vedremo”. Under: “Non mi muovo”. Ecco Bianda

Il brasiliano bissa sul futuro e si fa male al flessore, a rischio per Sassuolo. Ziyech saluta l’Ajax: “E’ il momento di andare”. Luca Pellegrini: “Kolarov mi consiglia e lo apprezzo”. Morto l’ex presidente Anzalone

C’è una Roma che nasce da un patto stretto in riva al mare, in una notte di maggio, ancora una volta avaro di trofei. Non un sogno destinato a infrangersi come le onde sulla sabbia, ma un’idea forte, una volontà di alzare la testa. E’ ora di vincere, ora per davvero. A Trigoria lo sanno, dai piani alti fino alle fondamenta. Prima si dovrà passare dal terzo posto, per la mentalità e per i bonus economici, che non fanno mai male. Serve un punto domenica al Mapei Stadium contro il Sassuolo di Di Francesco e Pellegrini, due dei cardini sui quali si dovrà poggiare il futuro. Quello stesso futuro al quale si aggrappa Under, una delle sorprese più belle di questa stagione, e dal quale continua a scappare Alisson.

 

CHE SARA’ SARA’ – Due facce diverse della stessa medaglia Alisson e Under. Ma se il turco ha le idee chiare – “non si può assolutamente parlare di un altro trasferimento” -, il brasiliano bissa sull’argomento futuro: “Cerco di non pensare tanto al futuro, sono felice qui a Roma ma il mio pensiero è rivolto al Mondiale per fare bene lì. Quello che succederà succederà”. La sensazione è che se il Real Madriddecidesse di fare sul serio mettendo sul piatto un’offerta davvero importante (da 80 milioni a salire), le parti si metteranno a sedere per parlarne. Per quanto riguarda il futuro prossimo, il portiere ha un fastidio all’adduttore che potrebbe tenerlo fuori dal match con il Sassuolo. Stesso discorso per Under che ha lavorato a parte dopo la botta al costato rimediata ieri. Potrebbero invece avere una chance Capradossi e Luca Pellegrini, che per il momento hanno obiettivi diversi dai colleghi, e non si immaginano lontano dalla capitale. “L’esordio è stato un sogno diventato realtà” ha raccontato Capradossi. Il terzino ha parlato invece del suo rapporto con Kolarov: “Spesso mi dà dei consigli che però tengo per me. E lo sto molto apprezzando, ha un carisma e una personalità enormi”.

BIANDA IN ARRIVO – In attesa di ufficializzare l’acquisto di Coric, Monchivorrebbe iniziare il mercato portando a casa un difensore centrale, come successo nello scorso mercato con Moreno. Se fino a ieri in pole sembrava esserci Marcano, il nome nuovo è Bianda del Lens, 18enne prodigio della scuola francese, seguito anche da Monaco e Lens. I giallorossi avrebbero però già battuto la concorrenza, strappando un accordo per 4 milioni di euro. A centrocampo il nome da seguire è Praet: il belga e la Roma si piacciono, ma su di lui ci sono anche Inter e Juve. Ziyech, un nome per l’attacco, fa sapere che la sua avventura in Olanda è finita, ma su di lui c’è anche il Borussia Dortmund. Intanto sono state rese note le cifre dell’accordo con Qatar Airways: 6 milioni fino al 30 giugno e 33 milioni fino al 2021. Ci ha lasciato l’ex presidente giallorosso Gaetano Anzalone. Portò alla Roma Pruzzo e Liedholm.

FONTE      V. SALVIANI