Liverpool, Firmino: “Con la Roma due grandi match. Dovremo essere molto offensivi”

Il brasiliano parla anche del suo connazionale, Alisson: “Sta vivendo un grande momento, ma il duello non è tra noi due”

wp-image--1027193435

Mancano quattro giorni ormai al primo round di Champions League tra Roma e Liverpool. I giallorossi affronteranno l’ex Salah, ma i pericoli dei Reds arriveranno anche da Roberto Firmino. Il brasiliano, che quest’anno ha segnato 25 gol, ha rilasciato un’intervista a Globoesporte iniziando ad elogiare proprio l’egiziano: “Se sarà tra i tre finalisti del Pallone d’Oro? Non so, ma lo merita senza dubbio, ha già segnato 40 gol. E’ un giocatore incredibile, sta facendo una grande stagione. E’ molto tecnico e vede bene la porta, spero faccia anche un grande Mondiale”. L’ex Hoffenheim passa poi alla sfida con la Roma: “Il sorteggio definisce il percorso dei club e dobbiamo affrontare chiunque capiti, sono tutte grandi squadre.La Roma, ad esempio, ha eliminato il Barcellona acquisendo anche più fiducia per la semifinale. Non ho dubbi che saranno due grandi match. Il primo sarà nel nostro stadio e dovremo portare a casa un risultato positivo per prendere un vantaggio in vista del ritorno in Italia”.

Affascinante ed emozionante sarà anche il confronto tra due verdeoro come lui e Alisson: “Chi lo sa se riuscirò a segnare… Lui sta vivendo un momento importante nella sua carriera e non c’è da meravigliarsi che sia il titolare della nazionale. Il duello è comunque tra Liverpool e Roma. Dobbiamo giocare in maniera offensiva e provare a segnare ad ogni occasione, soprattutto ad Anfield con la carica dei nostri tifosi che fa la differenza. Se ho parlato con Alisson dopo il sorteggio? Non abbiamo ancora avuto l’occasione, avremo tempo. Non mi piace fare pronostici”.

Sulla partenza di Coutinho, che sembra aver portato il Liverpool a giocare anche meglio: “Credo sia grazie alla qualità dei giocatori che abbiamo in rosa e per il grande lavoro di Klopp, che è uno degli allenatori migliori al mondo. Conosce il calcio come pochi, oltre ad essere una persona fantastica”.

Firmino, infine, si ferma a parlare del suo ruolo nel Brasile: “Lavoro duramente per essere sempre pronto fisicamente e tecnicamente con il Liverpool per essere convocato. Nella Seleçao, nessuno sa meglio di Tite chi è più in grado di giocare. Sa quello che fa, ha il gruppo in mano così come l’ambiente. dobbiamo tenerci a un livello più alto possibile per cogliere ogni occasione. Io sottovalutato in Brasile per non aver giocato mai in un grande club? Non credo. Sono andato via molto preso, i tifosi non mi hanno visto giocare da vicino ma non mi sento sottovalutato. E’ il modo in cui ho sempre lottato cercando di onorare il mio club. E’ questo che faccio dai tempi della Figueirense. Sono stato molto felice all’Hoffenheim, che mi ha aperto le porte dell’Europa. Ora credo che sto vivendo il miglior momento della mia carriera al Liverpool”.

FONTE   FORZAROMA.INFO