Dezko non segna mai, Di Francesco non ha carisma e Kolarov è della Lazio

 cliccate sull’immagine e potrete leggere articoli di GOAL DI TACCOFB_IMG_1505209657684

Dezko non segna mai, Di Francesco non ha carisma e Kolarov è della Lazio: la Roma versione Champions mette a tacere “cassandre”  e scettici

Contro ogni pronostico della vigilia, una grande Roma spaventa il Chelsea. Non solo, i giallorossi allo Stamford Bridge sfiorano l’impresa e portano a casa un prezioso 3-3 che gli regala il secondo posto nel girone di ferro.

 
LUIZ-HAZARD, DOPPIO KO – L’avvio degli uomini di Di Francesco è più che convincente ma finiscono sotto di 2 gol: il primo porta la firma di David Luiz , il suo tiro potente si insacca alle spalle di Alison. Il secondo, quello che potrebbe definitivamente tagliare le gambe ai giallorossi, lo mette a segno Hazard.
 
GRINTA KOLAROV- Per fortuna a riaprire i giochi ci pensa Kolarov che fa tutto da solo,  salta un paio di avversari sulla fascia, e scarica un tiro che s’insacca alle spalle di Courtois.
 
DZEKO SALE IN CATTEDRA – I Blues calano e a regalare il pareggio alla Roma ci pensa Dzeko su lancio millimetrico di Fazio. Pochi minuti dopo è ancora il bosniaco ad ammutolire lo Stamford Bridge, regalando ai giallorossi il gol del vantaggio.
 
FIAMMATA HAZARD – Il Chelsea non ci sta ad uscire battuto tra le mura amiche e ci pensa ancora Hazard a riportare il match sul pareggio.
 
DI FRANCESCO:  “PECCATO NON AVER VINTO” – Una Roma ancora in piena emergenza (allo Stamford Bridge non si sono presentati gli infortunati Manolas, Schick e Defrel) ma a fine gara Di Francesco non nasconde la soddisfazione che lascia spazio a qualche piccolo rammarico: “Mi piace definirci una squadra ancora in costruzione: questo non va mai dimenticato”, racconta il tecnico ex Sassuolo. Contro il Chelsea abbiamo fatto cose molto bene, peccato non aver vinto, ma, queste, sono gare che ti fanno crescere…”.  
 
MONCHI SUONA LA CARICA: “PAREGGIO CI STA STRETTO” –  Ad alzare l’asticella degli obiettivi ci pensa pure Monchi: “Non sono contento del risultato perché avremmo meritato di vincere, ma sono sicuramente contento per la mentalità della squadra: un gioco come quello che abbiamo visto ci dà fiducia per proseguire su questo cammino.
 
LA PRIMA VOLTA– Serata da incorniciare per i giallorossi che restano saldamente agganciati al treno qualificazione che si godono anche un piccolo record: come riporta Optapaolo, è la prima volta che la Roma conclude l’andata del girone senza aver mai perso.
 
Francesca Ceci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: